0827 270013 galcilsi@galcilsi.it

Presentazione – GAL ATS A.I.S.L.

Home / Presentazione – GAL ATS A.I.S.L.

PRESENTAZIONE

GAL ATS A.I.S.L.

Aree Interne e Sviluppo Locale

 

Il Gruppo di Azione Locale, costituito nella forma di Associazione Temporanea di Scopo (ATS), denominata A.I.S.L. – Aree Interne e Sviluppo Locale -, frutto dell’unione tra il GAL Irpinia-Sannio (soggetto mandatario) ed il GAL CILSI (soggetto mandante), ha lo scopo di attuare la Strategia di Sviluppo Locale approvata a seguito della selezione, di cui al Bando della Regione Campania (DRD n. 74 del 29/03/2017).
L’area di intervento dei due GAL, in funzione dei comuni aderenti al partenariato, si estende dal Comune di Calitri (AV) a quello di Ceppaloni (BN), tra i corridoi ecologici fluviali dell’Ofanto, del Calore e del Sabato, attraverso la Valle D’Ansanto e i Monti Picentini.

Il GAL Irpinia Sannio è una Società Consortile a Responsabilità Limitata (S.C a R.L.) ed è costituito da 15 soggetti pubblici e 34 privati, 23 in rappresentanza della componente “Economica – sociale” ed 11 della componente “Società Civile”.

Il GAL CILSI è un Consorzio senza fini di lucro ed è costituito da 7 enti pubblici e 9 soggetti privati, di cui 4 in rappresentanza della componente “Economica – sociale” e 5 di quella riferita alla “Società Civile”.

Il partenariato dell’ATS – GAL A.I.S.L. è, dunque, costituito da 65 soci, di cui 22 in rappresentanza della componente pubblica, 27 della componente privata/parti economiche e sociali, 16 della componente privata/società civile.

Il GAL Irpinia Sannio è stato costituito il 5 agosto 2016, su iniziativa di un gruppo di sindaci di Comuni delle province di Avellino e Benevento, a seguito della pubblicazione del bando regionale ed ha avviato le attività preparatorie secondo le modalità previste dalla Misura 19.1.1 – Sostegno allo Sviluppo Locale LEADER Sviluppo Locale di Tipo Partecipativo – in un territorio penalizzato dalla crisi economica ma ricco di risorse e potenzialità, per realizzare una Strategia di Sviluppo Locale diretta a promuovere lo sviluppo rurale, a migliorare l’ambiente ed il paesaggio, a sostenere lo sviluppo socio-economico, turistico e culturale, a garantire la gestione sostenibile delle risorse naturali e a favorire il risparmio energetico, a costruire opportunità lavorative per le giovani generazioni. L’attività di animazione e coinvolgimento delle popolazioni è stata avviata in data 9 agosto e si è conclusa il 26 agosto. Sono stati realizzati 16 incontri totali, con il coinvolgimento di numerosi amministratori e portatori di interessi locali, su specifiche tematiche: la filiera agroalimentare e la produzione castanicola ed enologica dell’area di riferimento; la valorizzazione delle risorse naturali ed ambientali, delle emergenze culturali, artistiche e religiose; le opportunità connesse al biologico e ai bio-distretti. Sono stati inoltre organizzati 4 incontri con associazioni di categoria ed infine sono stati coinvolti 2 soggetti privati operanti nei settori dell’economia e della cultura locale.
L’attività preparatoria svolta dal GAL IRPINIA SANNIO si è basata sul concetto di “lavoro e ricchezza come fonte di crescita nella bellezza dei luoghi e nella qualità della vita; la qualità della vita si migliora con maggiori risorse per investimenti e servizi attraverso la diminuzione della spesa corrente, il freno naturale al consumo di suolo, la qualità degli abitati, lo sviluppo di agro-energie su base aziendale, la crescita dell’occupazione per indotto e servizi.”

Il GAL CILSI (Centro di Iniziativa Leader per lo Sviluppo dell’Irpinia), costituito il 21 luglio 1991, ha sviluppato negli anni relazioni e rapporti significativi con partner pubblici e privati presenti sul territorio. Nel corso delle sue attività di animazione, progettazione, informazione e formazione, il Gal Cilsi è riuscito ad aggregare attraverso un percorso di partecipazione e condivisione dei processi di sviluppo locale, significative presenze di soggetti intorno all’idea dello sviluppo sostenibile. Il Gal CILSI attualmente può fare affidamento su reti semi-strutturate a livello territoriale in tutti i settori dell’economia e della cultura locale e su reti lunghe interterritoriali. Propedeutico all’intera fase di animazione è stato il convegno “Innovazione e sviluppo locale in Alta Irpinia – l’esperienza del CILSI verso la programmazione 2014/2020” svolto a Calitri il 3 ottobre 2015, durante il quale è stata sintetizzata l’esperienza della programmazione 2007-2013 e sono state dettate le coordinate per la programmazione 2014‐2020. La fase 1 del CLLD è stata avviata il 20 giugno 2016 con la delibera del comitato esecutivo. Detta fase, denominata dal “Un approccio di tipo partecipativo allo sviluppo locale in Alta Irpinia”, è stata implementata con la realizzazione di 15 incontri aperti al pubblico, organizzati per area tematica sull’intero territorio di riferimento (valorizzazione delle risorse naturali ed ambientali, le produzioni artigianali di pregio, filiere e sistemi produttivi locali, la sostenibilità ambientale, l’innovazione territoriale, l’accoglienza e la ricettività rurale, tutela dei centri storici e valorizzazione delle testimonianze di archeologia industriale, l’inclusione sociale), da 3 iniziative organizzate da soggetti diversi dal GAL e da 2 Focus specifici centrati sulle attività connesse al Contratto di Fiume Alto Ofanto, nonché alla cooperazione interterritoriale.

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Share on LinkedInPin on PinterestEmail this to someone