0827 270013 galcilsi@galcilsi.it

Gal Cilsi

Home / Gal Cilsi

Il CILSI è un’Agenzia di Sviluppo Locale ed opera come Gruppo Di Azione Locale dal 1991

È un Consorzio pubblico-privato che nasce dall’Iniziativa Comunitaria LEADER (Liaison Entre Actions de Développement de l’Économie Rurale) ed è stato costituito grazie all’azione svolta dal CRESM (Centro di Ricerche Economiche e Sociali per il Meridione).

In seguito all’opera di animazione e sensibilizzazione, svolta in particolare nell’area dell’Alta Irpinia e finalizzata al consolidamento della “Rete territoriale per lo Sviluppo Locale”, il CILSI orienta la propria attività nella formazione di giovani laureati e diplomati.
Forti dell’esperienza maturata nella struttura del CRESM, gli operatori del CILSI organizzano e collaborano allo svolgimento di seminari, laboratori, incontri, corsi professionali per la formazione Agenti di Sviluppo, Tecnici Analisti Ambientali, Operatori per l’Agricoltura Biologica, Animatori socio-culturali, Guide Turistiche ai Beni Culturali, Tecnici di Restauro Architettonico, Esperiti informatici e di Trasmissione dati su Reti Telematiche, tecnici della Comunicazione digitale (Filmaker e Web designer), operatori dell’artigianato artistico e tradizionale.
Le suddette attività, svolte in oltre un ventennio, da un lato hanno generato la convinzione di una possibile alternativa alla scelta industrialista indotta dalla legge 219 ex art. 32, dall’altro hanno rappresentato per decine di giovani irpini una grande occasione di studio e di analisi del territorio, di formazione e di scambio di esperienze con esperti e studiosi, portatori di conoscenza e di competenze di alto valore scientifico e tecnico.
Il CILSI, dotato di una propria struttura tecnica e di un’ampia rete relazionale, ha operato come Gruppo di Azione Locale (GAL) con la progettazione e l’attuazione:
- del Piano di Azione Locale, nell’ambito Programma di Iniziativa Comunitaria LEADER II (Periodo di attuazione: 1996-2001);
- del Piano di Sviluppo Locale, nell’ambito dell’Iniziativa Comunitaria Leader Plus, in ATI con i GAL UFITA e Terminio – Cervialto e con la costituzione del GAL Verde Irpinia (Periodo di attuazione: 2004-2008);
- del Piano di Sviluppo Locale “Terre d’Irpinia”, nell’ambito dell’ASSE 4 del PSR Campania (Periodo di attuazione: 2010-2015).
Nel corso delle attività connesse alla programmazione LEADER, il CILSI è impegnato in numerosi progetti di cooperazione interterritoriale e transnazionale:
- Creazione di una rete di promozione dei prodotti locali in partenariato, i qualità di capofila, con C.D.R. (Collettivo per lo Sviluppo Rurale) di Tierra de Campos, Spagna; ADRACES – Associazione per lo Sviluppo di Raia Centro-Sul – Portogallo; TERMÉKTANÁCSOK SZÖVETSÉGE – Confederazione delle Associazioni dei Produttori Agricoli – Ungheria;
(Periodo di attuazione: 1998 – 2001);
- Riscoperta e Valorizzazione della Ruralità Mediterranea (Periodo di Attuazione: 2004-2008);
- Valorizzazione del sistema di allevamento pastorale e transumante dei bovini podolici dell’Italia meridionale: cultura, natura, turismo e produzioni (Periodo di attuazione 2004-2008)
- Villaggi delle tradizioni (2013-2015).

Numerosi sono gli interventi finanziati per la creazione e il consolidamento di imprese locali (spesso a conduzione familiare) impegnate nei settori agricolo, artigianale, della ricettività e della ristorazione che, a distanza di anni rappresentano importanti realtà dell’economia locale.
Oltre alle tipologie d’intervento rivolte alle singole imprese, il CILSI ha orientato e finanziato progetti finalizzati alla salvaguardia dei beni culturali e naturali ponendo al centro della sua azione la valorizzazione del patrimonio architettonico cosiddetto “Minore” e dei siti di interesse ambientale.

Tutto ciò coniugando tradizione e innovazione e integrando azione pubblica e privata, attraverso la realizzazione di iniziative materiali ed immateriali destinate ai Comuni, alle associazioni e ai gruppi operativi: dalla realizzazione di Centri di Aggregazione Comunali alla nascita di botteghe-scuola, dal ripristino di sentieri e spazi rurali al recupero di fontane, antichi molini e masserie. D’altra parte, sono questi gli elementi che costituiscono gli spazi rurali. E sono proprio questi i luoghi che hanno accolto progetti di ricerca-azione, di residenza culturale, di laboratori artistici che hanno visto la partecipazione attiva di centinaia di giovani.
Di seguito si citano i più importanti interventi, realizzati o supportati dal CILSI, fortemente legati alle culture e agli spazi in cui si sono svolti. Tutto ciò sempre in una ottica di connessione tra azioni immateriali e materiali, tra tradizione e innovazione.
- Soggiorni formativi per artisti e per studenti, realizzati su una esperienza pilota per l’uso dell’Albergo Diffuso di Bisaccia, che ha coinvolto anche i comuni di Morra De Sanctis, Lacedonia, Rocca San Felice, Calitri, Guardia Lombardi, Sant’Angelo dei Lombardi, in collaborazione con le Università di Cracovia e Varsavia; si è trattato di un ciclo di incontri e di scambi tra giovani dell’area e studenti polacchi di lingua e letteratura italiana; tutta l’attività è stata ideata ed attuata dal gruppo di lavoro del Parco Letterario ® Francesco De Sanctis, di cui il CILSI è il riferimento;
- Laboratorio di residenza artistica Irpinia Electronic Landscape (Montemarano – Alta Irpinia), in collaborazione Ufficio Bifolco, tra il Museo della Tarantella, realizzato nell’Ambito del Piano di Sviluppo Locale (2000-2006), e le “Alture” dove si coltiva il grano Senatore Cappelli, frutto di un intervento del CILSI;
- Festival Interferenze, svoltosi a Bisaccia tra il Caffè Letterario e il centro storico, dove sono visibili gli interventi di recupero realizzati con il sostegno del CILSI, curato da Ufficio Bifolco; le due iniziative sopra citate hanno attivato un processo di contaminazione e di scambio tra i più importanti artisti digitali, gli studiosi e i musicisti, custodi della tradizione locale, costituendo di fatto una rete delle competenze creative;
- Prime edizioni del Festival delle Arti Influazioni (Lacedonia) curato dall’Associazione LaPilart, che ha coinvolto in attività laboratoriali numerosi giovani dell’area ed artisti provenienti da varie regioni italiane;
- Prime edizioni dello SponzFest (Calitri), curato da Vinicio Capossela, dal Comune e da associazioni locali con il supporto del CILSI; tra i risultati raggiunti nel corso della prima edizione vi è l’allestimento, presso la Casa dell’ECA di Calitri, della mostra stabile su “I Matrimoni” e l’itinerario delle grotte adibite a locali di stagionatura, ristorazione, punto informativo nel Centro Storico di Calitri; interventi realizzati con il sostegno finanziario del GAL CILSI, come l’allestimento del Centro di Educazione Ambientale presso l’area SIC nei pressi del Lago delle Canne, in collaborazione don Legambiente; nella seconda edizione il CILSI ha finanziato la rassegna cinematografica dello SpnzFest;
- Laboratori musicali rivolti ai giovani, nell’ambito della rassegna Lioni Jazz, curata dalla Pro Loco di Lioni, svolti nei “luoghi della memoria” (piazzette, stradine, spazi urbani e rurali dimenticati), tra i quali si cita l’ambito della “Torricella” con i moduli abitativi pre-terremoto, recuperati con un intervento del GAL CILSI (1999-2001) e resi fruibili;
- Festival Mangiateatro (Comune di Lioni), curato da Teatro dell’Osso e IrpiniaTurismo con la collaborazione di Informagiovani e Pro Loco e con la partecipazione attiva di produttori agricoli ed artigianali dell’area, beneficiari degli interventi supportati dal GAL, svolto presso “Villa Bianchi”, il giardino della “Torricellla”, oggi di proprietà Voglino e l’Anfiteatro comunale;
- Progetto Tradizionalmente (Conza della Campania) in collaborazione con l’Associazione Campana delle OASI WWF e con lo STAPA Ce.P.I.C.A. di Avellino (progetto Frutti antichi d’Irpinia); nell’ambito del progetto è stato realizzato un frutteto, con il recupero di varietà in via d’estinzione, protetto da muretti a secco costruiti con la collaborazione di maestri artigiani e tecnici, che hanno coinvolto giovani del posto e immigrati rifugiati, ospitati da un’associazione locale;
- Progetto LABe – laboratorio di ricerca, animazione e comunicazione sull’emigrazione – realizzato in collaborazione con il Comune di Sant’Angelo Dei Lombardi, l’agenzia formativa AFoRIN, in collaborazione con il Piano Sociale di Zona Alta Irpinia; i risultati della ricerca sono alla base della realizzazione del Museo dell’emigrazione allestito presso il Castello degli Imperiale di Sant’Angelo dei Lombardi;
- Prima fase del progetto Ecolonia, denominata Traduzioni, curato da +tstudio di Aquilonia che ha impegnato cinquanta giovani provenienti da varie università italiane, artigiani locali, esperti di architettura e di design, nella elaborazione di un progetto di rigenerazione di uno dei Paesi fantasma dell’appennino (Carbonara, borgo della provincia di Avellino abbandonato dopo il terremoto del 1930);
- Progetto Villamaina itinerari – Storia di terre, di acque e di pietre, realizzato in collaborazione con il Comune di Villamaina (Importante Polo termale i provincia di Avellino) ed IrpiniaTurismo, che ha portato alla luce le caratteristiche storico-artistiche, naturalistiche e produttive del territorio, ubicato nel cuore della Valle D’Ansanto;
- Progetto Alta Irpinia Itinerari, laboratorio di ricerca territoriale per la definizione di itinerari alternativi geo referenziati verso un progetto di mobilità sostenibile, realizzato in collaborazione con le associazioni culturali dell’area;
- Avvio del progetto Le vigne e il Castello, in collaborazione con il Comune di Torella Dei Lombardi, finalizzato alla valorizzazione delle potenzialità vitivinicole dell’area e strettamente connesso alla “Via dell’Acqua”, dalle sorgenti dell’Ofanto al Mulino ad acqua, recuperato dal Comune attraverso un intervento del GAL;
- Partecipazione a tre edizioni delle Feste Medievali di Rocca San Felice, finalizzata alla valorizzazione dell’artigianato artistico, della sentieristica nell’area della Mefite e alla promozione del Ristorante-Museo, interventi realizzati con il sostegno finanziario del CILSI, nell’ambito della programmazione LEADER.
Tra i risultati più importanti dell’azione svolta dal CILSI si evidenziano quelli scaturiti dalla costruzione di reti sia a livello locale che interterritoriale.
Numerose sono le aggregazioni locali tra soggetti pubblici e privati, tra operatori agricoli ed artigianali, turistici. A tale proposito si citano le più importanti esperienze che hanno portato alla costituzione e alle formalizzazione delle seguenti reti:
- Parco Letterario Francesco De Sanctis, rete culturale e turistica, che coinvolge associazioni culturali e amministrazioni locali, ricadenti nel territorio di origine del letterato e politico irpino, il P.L. e riconosciuto ed opera in stretta collaborazione con la Rete Nazionale de “I Parchi Letterari”, coordinata da Paesaggio Culturale Italiano – Società Dante Alighieri;
- Contratto di Fiume dell’Alto Ofanto, costituito nella forma di Assemblea di Bacino, a valle di 25 incontri pubblici, forum aperti, focus group, svolti tra il 2014 e il 2016, che hanno visto la partecipazione attiva e documentata di circa 600 tra cittadini, amministratori locali, soggetti portatori di interessi collettivi (Associazioni ambientaliste, di categoria, culturali e turistiche), rappresentanti di Università, Centri di Ricerca e studiosi; detti incontri si sono svolti alla presenza di funzionari regionali (Assessorato all’Ambiente) ed organizzati con il supporto del Gruppo di Lavoro costituito nell’ambito delle azioni dirette del CILSI (PSR Campania 2007 2013 – ASSE 4 LEDER);
- Rete interregionale Patto Val D’Ofanto (Campania, Basilicata e Puglia),
- Consorzio Formicoso-Alta Irpinia (Rete tra agricoltori per lo sviluppo sostenibile), in collaborazione con CIA di Avellino, il Centro di Ricerche per la Cerealicoltura di Foggia, ANFoSC (Associazione Nazionale Formaggi Sotto il Cielo);
- Associazione degli olivicoltori, nata a valle di un’attività laboratoriale su olivicoltura ed elaiotecnica, svolte in collaborazione con Slow Food, i Comuni di Calitri, Torella dei Lombardi, Villamaina, Bisaccia ed Aquilonia; il progetto ha visto impegnati circa cinquanta olivicoltori e frantoiani dell’area;
- Consorzio dei Maestri Artigiani Irpini (rif. Confartigianato Avellino) e protocollo d’intesa tra artisti, artigiani, appassionati ed esperti dello storico Istituto d’Arte, denominata Le crete dell’Ofanto; le due aggregazioni si fondano su una intensa attività di informazione, interventi nelle aziende, organizzazione di laboratori aperti al pubblico, svolti da Confartigianato con la collaborazione del Comune di Calitri, dell’EAPSAIM e di altri comuni dell’area;
- Associazione Nazionale Latte Nobile, coordinata da ANFo.SC – Associazione Nazionale Formaggi Sotto il Cielo – e da esperti della facoltà di Agraria dell’Università Federico di Napoli (il CILSI ha contribuito in maniera determinante nella fase di avvio del progetto Latte Nobile e con l’attivazione del progetto GranFora Misura 124 – PSR Campania).
Il Consorzio CILSI – Agenzia di Sviluppo Locale, con una costante azione territoriale di progettazione e supporto alle politiche di sviluppo, è prioritariamente attivo nei seguenti campi di intervento:
- Sviluppo rurale
o Misura 19.2 del PSR Campania 2014-2020 (soggetto mandante dell’ATS A.I.S.L. – Aree Interne e Sviluppo Locale, in partenariato con il GAL Irpinia Sannio, nell’ambito del Piano di Sviluppo Locale)
o Misure di cooperazione del PSR Campania
 16.1. Costituzione e funzionamento dei GO del PEI in materia di produttività e sostenibilità in agricoltura
 16.5 Azioni congiunte per la mitigazione dei cambiamenti climatici e l’adattamento ad essi e per pratiche ambientali in corso
Prevenzione danni da avversità atmosferiche e da erosione suoli agricoli in ambito aziendale ed extra aziendale
 16.3.1 Costituzione di associazioni di imprese del turismo rurale dell’agricoltura
 16.9.1 Azioni partenariali per azione A – azione B – Agricoltura sociale, educazione alimentare, ambientale in aziende agricole, cooperazione con soggetti pubblici/ privati.
- Ambiente e territorio
o attuazione del programma di azione del Contratto di Fiume Alto Ofanto
o progettazione partecipata della Ciclovia dell’Acquedotto Pugliese – tratto irpino
o partecipazione all’attivazione del Bio-Distretto irpino
o avvio dell’attività di animazione sensibilizzazione verso il Contratto di Fiume Sele
o attivazione del partenariato per la partecipazione al bando, nell’ambito dell’Iniziativa Cominitaria LIFE Ambiente – P.A.C.E.
o attivazione del partenariato per la partecipazione al bando, nell’ambito dell’Iniziativa Comunitaria HORIZON 2020
- Cultura e territorio
o Parco Letterario Francesco De Sanctis – Bicentenario desanctisiano con “I Parchi Letterari Italiani” e la “Società Dante Alighieri”
o Scuola-Ambiente rurale, collaborazione per l’elaborazione e attuazione di progetti di ampliamento dell’offerta formativa e in particolare con il PON “Per la Scuola – Competenze e ambienti per l’apprendimento”.
o Laboratori culturali ed artistici rivolti alle scuole
o Residenze culturali/tirocini formativi.

Il CILSI, attraverso la sua struttura tecnica, svolge servizi di progettazione e assistenza tecnica al territorio, rivolti a soggetti pubblici e operatori privati, all’associazionismo culturale, ambientale, di categoria e del terzo settore.

  

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Share on LinkedInPin on PinterestEmail this to someone