Comunicato_stampa 3 | Print |
Monday, 22 November 2010 05:27

“23 novembre 1980-2010: tra emergenza e programmazione”
Ciclo di seminari organizzati da Gal Cilsi
“Pianificazione territoriale e urbanistica: qualità dei borghi e del paesaggio rurale“
Venerdì 19 novembre 2010 - Bisaccia, Calitri (AV)


Comunicato Stampa

"Rievocare gli eventi può servire relativamente. In questa fase occorre elaborare soluzioni in tutti i campi. Ma diciamo no al conflitto tra modelli, allo scontro tra industria e agricoltura per esempio. C’è bisogno di una sintesi. E allora le possibilità sono infinite: non solo strade ma energie e strutture rinnovabili. La tecnologia lo permette, tutto sta a sfruttare le opportunità offerte". Così il presidente dell’Ordine degli Ingegneri di Avellino, Michele Carovello, nel seminario di Bisaccia organizzato dal Gal Cilsi. Il ciclo d’incontri “Tra emergenza e programmazione” continua a mettere le basi per un ripensamento dell’identità territoriale altirpina.

La discussione al Castello Ducale è stata incentrata sui borghi e sulle potenzialità di sviluppo turistico e sulla vivibilità dei piccoli paesini dell’Irpinia orientale. In questo senso molto incisiva la testimonianza di Emma Basile, l’artefice dei flussi di turisti dal Nord Europa e dagli Stati Uniti verso Calitri. La Basile parlato della sua esperienza di operatrice turistico-immobiliare: "Ho deciso di fare turismo nel mio paese. All’inizio mi sono scontrata con l’immobilismo. Ho continuato ma purtroppo riscontro la scarsa conoscenza delle potenzialità dei luoghi. Quello che ha fatto decollare Calitri, con la pubblicazione sulla rivista International Living, sono le cose su cui pochi avevano scommesso: i borghi, la natura, gli anziani. Ma nel frattempo, aspettando e cercando di favorire i flussi turistici dall’estero, dobbiamo organizzarci per rendere fruibile il territorio. Non solo aria ma anche servizi compatibili con il territorio". Dal presidente provinciale dell’Ordine dei Geometri, Antonio Santosuosso, un secco 'no' alle cattedrali nel deserto. "Preservare i borghi è importante, ma in Trentino convivono esempi un ottima industrializzazione e rispetto per l’ambiente". Della necessità di cooperare tra più enti e più persone ha parlato Mario Salzarulo, coordinatore Gal Cilsi: "Abbiamo la necessità di fare squadra. In questi seminari abbiamo voluto riannodare i vecchi contatti, quelli che sono stati e hanno studiato su questi territori. Abbiamo assistito al fallimento totale dell’industrializzazione. Qualcuno però è rimasto e non mancano le esperienze positivi".
A Bisaccia erano presenti ingegneri, geometri, architetti. Dopo il saluti del sindaco, Salvatore Frullone, gli interventi di Serafino Celano, res. Sat – Gal Cilsi, Agostino Pelullo, delegato sviluppo locale del Comune, Donato Tartaglia, responsabile tecnico Pit Valle Ofanto, di Vito De Nicola, architetto Sovrintendenza Beni Culturali, di Antonio Mango, di Canio Zarrilli, ordine architetti PPC. Conclusioni e analisi del prof. Attilio Belli, docente di Urbanistica alla Federico II di Napoli. Il 20 novembre a Morra De Sanctis verrà lanciato il Patto Val d’Ofanto e si parlerò di storia e letteratura. Al centro il parco letterario. A Conza della Campania spazio per i temi ambientali.

Gli incontri sono tutti aperti al pubblico e gratuiti, ed è previsto il rilascio di un attestato.

Per partecipare è necessario prenotarsi compilando l’apposito modulo on-line, che si trova sul sito web www.galcilsi.it, o contattando gli uffici del GAL CILSI, piazza della Vittoria 20/22 - 83047 Lioni (AV) - tel.: 0827 270013, fax: 0827 270942, e-mail: This e-mail address is being protected from spambots. You need JavaScript enabled to view it This e-mail address is being protected from spambots. You need JavaScript enabled to view it .


Andrea Paglia
Ufficio Stampa
This e-mail address is being protected from spambots. You need JavaScript enabled to view it This e-mail address is being protected from spambots. You need JavaScript enabled to view it
+ 39 339 6229656