CASTAGNOLE

tipologia di scheda: BDM. numero: 21. località: Montemarano. luogo di conservazione: Museo etnomusicale “Celestino Coscia e Antonio Bocchino” Collezio­ne privata ass.cult. Hyrpus Doctus. oggetto: Castagnette. categoria: Strumenti musicali. categoria specifica: Strumenti a percussione. denominazione dialettale: “Castagnole”. ambito di produzione: Ambito locale. materiale: Legno.

tecnica: Legno inciso e intagliato. misura: 8 cm. modo di utilizzo: La tecnica esecutiva di questo strumento prevede la percussione sfalsata opera­ta da ciascuna delle due mani che vengono slan­ciate in avanti e richiamate verso il petto con un moto alternato coordinato al movimento molto ampio dei due polsi.

descrizione: Le castagnette sono formate da due parti concave simmetriche e coordinate, queste sono unite da un cordone che, fissato alle dita del suonatore permette l’urto delle due parti che producono un suono secco. Le facce esterne pre­sentano una fine lavorazione ad incisione.

notizie storico-critiche: Le due parti delle casta­gnette si distinguono in “maschio” e “femmi­na”, la prima impugnata a destra e la seconda a sinistra. L’unione dei due simboli, che si ripe­te ad ogni battere delle due parti, rimanda alle implicazioni che fanno capo all’ermafroditi­smo, sul quale è imperniato il rito del carneva­le. Tale significato è confermato dal gesto a carattere esorcistico del suonatore che consiste nel far girare le braccia attorno a sè. Il suona­tore qui è anche danzatore e con questo gesto chiude un cerchio al cui interno si crea uno spazio sonoro delimitato dalla figura del suona­tore-danzatore; esso rappresenta tutta la comu­nità che si chiude nel cerchio preservato dal male per l’azione esorcistica del battere delle castagnette. proprietà: Proprietà privata, associazione cultura­le “Hyrpus Doctus”.