Il Consiglio dell’Unione Europea, attraverso l’adozione del Regolamento n. 1698/2005, sul sostegno allo sviluppo rurale da parte del FEASR, riconosce l’esperienza dei GAL,  nell’ambito dell’Iniziativa Comunitaria Leader II e Plus, come metodo di programmazione delle strategie di sviluppo locale caratterizzato da un approccio: ascendente, multisettoriale, integrato, innovativo.

Infatti, nell'ambito della programmazione 2007 – 2013, l’approccio Leader abbandona il suo carattere sperimentale ed entra a pieno titolo nella Programmazione dello Sviluppo Rurale per diventare uno degli strumenti di attuazione dei principali obiettivi previsti: aumento della competitività delle aree rurali, gestione dell’ambiente e del territorio, miglioramento della qualità della vita/diversificazione, cooperazione e sviluppo dei collegamenti in rete tra i partenariati locali.