Written by Isabella Andrighetti   


UN MODELLO PER LE LOCALITÀ DEL PSL

SVILUPPATO DAL TOURING CLUB ITALIANO

Area Programmi territoriali - Bandiere arancioni

Direzione Attività associative e territorio Touring Club Italiano

L’iniziativa “Qualità del territorio e dei servizi turistici: un modello per le località del PSL Terre d’Irpinia - Villaggi delle fonti”, sviluppata nel triennio 2004 – 2006 dal Touring Club Italiano in collaborazione con A.G.I.Re. (Agenzia per la Gestione e l’Implementazione di Reti), ha porta­to a delineare il contesto del turismo nei Comu­ni parte del PSL e ha permesso l’avvio nel terri­torio di un percorso di miglioramento condiviso e costante nel tempo.

L’analisi effettuata si è focalizzata sui centri “minori” localizzati nell’entroterra e con popola­zione inferiore ai 15.000 abitanti, generalmente esclusi dai principali flussi turistici che si con­centrano nelle città d’arte e lungo la costa, per i quali si coglie la necessità di una programmazio­ne specifica. L’iniziativa si è basata sull’applica­zione del Modello di Analisi Territoriale (M.A.T.) del Touring Club Italiano con l’obiettivo di iden­tificare un prodotto turistico integrato, competi­tivo e di qualità.

L’individuazione del valore delle singole località è stato fondamentale per fornire alle diverse realtà territoriali gli strumenti adeguati per una riqualificazione sia locale sia di network. L’ini­ziativa è stata sviluppata nel triennio 2004­2006 attraverso tre macro-fasi di attività:

1° anno (2004) – AVVIO E RACCOLTA DELLE CANDIDATURE

AZIONI: presentazione della candidatura da parte dei Comuni; verifica da parte di TCI dei moduli e dei parametri di valutazione da applicare alla realtà locale; attività di sensibilizzazione e infor­mazione in merito all’iniziativa; raccolta delle “schede Comune”, compilate dalle singole loca­lità; analisi e valutazione dei dati raccolti trami­te candidatura; individuazione dei Comuni oggetto di analisi sul campo

OBIETTIVI: attivazione di processi di autoanalisi e di sensibilizzazione verso tematiche fondamen­tali per uno sviluppo turistico sostenibile delle località.

2° anno (2005) - ATTIVAZIONE DI SOPRALLUOGHI ED ELABORAZIONE DI PIANI DI MIGLIORAMENTO

AZIONI: analisi delle località selezionate (anno 2004); sopralluoghi sul campo e screening; ela­borazione di un documento, ad hoc per ogni Comune, realizzato in base ai punti di forza e di debolezza individuati nel corso dell’analisi, dei fattori critici e delle potenzialità espressi dal ter­ritorio.

OBIETTIVI: sulla base di un’approfondita analisi integrata da elementi rilevati sul campo, indica­zione di specifiche azioni di sviluppo e miglioramento nel sistema di offerta turistica locale.

3° anno (2006) - VERIFICA

AZIONI: esame, attraverso delle “schede di verifi­ca” compilate dai Comuni, delle azioni intrapre­se e dei risultati conseguiti dalle singole località secondo quanto indicato da Touring nel Piano di miglioramento; verifica sul campo dello stato di avanzamento degli interventi e delle iniziative in riferimento a quanto indicato nel Piano di miglioramento; elaborazione dossier finale per ogni Comune, comprensivo dell’esito dell’analisi del 2006 e delle attività svolte nel corso del triennio 2004-2006.

OBIETTIVI: misurazione del grado di attivazione delle azioni suggerite e dei risultati raggiunti; monitoraggio e accompagnamento nel processo di miglioramento del territorio.Complessivamente, l’analisi è stata effettuata su due piani:

  • a livello di singolo Comune, con un’analisi ad hoc per ciascuna realtà territoriale;
  • a livello di area, con una riflessione di sistema attraverso la redazione di un “Piano di area”, orientato al miglioramento sistemico e stretta­mente legato all’analisi dei singoli Comuni.

Il vero valore aggiunto del Modello di Analisi Ter­ritoriale Touring è riconoscibile nell’attivazione sul territorio di processi di conoscenza, migliora­mento e riqualificazione mirati al potenziamento della qualità dei luoghi, dell’offerta e dei servizi a vantaggio sia della popolazione sia dei turisti. Le attività sviluppate nel triennio 2004-2006 hanno inoltre favorito la creazione di una rete di Comuni nella quale condividere l’impegno verso uno sviluppo turistico di qualità e lo stimolo alla realizzazione di azioni valide e concrete.

Il lavoro intenso di questo triennio e gli sforzi intrapresi dalle singole amministrazioni comunali hanno svolto un ruolo importante, che deve essere portato avanti con l’obiettivo di raggiungere il riconoscimento della Bandiera arancione del Touring Club Italiano, il marchio di qualità turistico-ambientale, destinato alle piccole località dell’entroterra che si distinguono per un’offerta d’eccellenza e un’accoglienza di qualità e che dimostrano di saper conservare e valorizzare le risorse locali, ambientali, storico-culturali e sociali senza compromettere le esigenze delle comunità ospitanti e l’integrità dell’ambiente circostante.

I comuni dell’area LEADER+ che hanno intrapreso il percorso per l’assegnazione del Marchio “Bandiera Arancione” sono: Aquilonia, Bagnoli Irpino, Conza della Campania, Lacedonia, Montella, Montemarano, Nusco, Rocca San Felice, Taurasi, Torella Dei Lombardi.